venerdì 3 marzo 2017

Carciofi alla romana

On air: "Marylou" Mannarino



"Quando prepari i carciofi ci vuole tanto olio e la mentuccia!" così mi dice sempre mia nonna ogni volta che ne cucina una pentolata. Ora con l'olio, anche a Milano, non ci sono problemi ma per la mentuccia, che poi è la menta romana o la nipitella, davvero non ho potuto rimediare e così ho dovuto ripiegare sul più comune prezzemolo che comunque ha il suo perché con i questo ortaggio.



Ho sempre adorato i carciofi, in tutti i modi e in ogni piatto. Vederli in tavola voleva dire che la Pasqua stava arrivando e insieme a lei la primavera. E' sempre stato bello osservare questa stagione vivendo in campagna, tutto si riaccende pian piano: i germogli degli alberi, l'erba nei campi e anche l'orto comincia a tirare fuori nuovi regali.


Con la primavere il mondo intorno a te cambia. Perfino il mare sembra diventare più azzurro e più profumato, comincia forse a prepararsi per l'arrivo dell'estate.

Ingredienti per 4 persone:

8 carciofi (preferibilmente romaneschi)

1 spicchio d'aglio

prezzemolo o menta romana

olio e.v.o.

1 limone

sale e pepe


Pulite molto bene i carciofi e immergeteli in acqua acidulata con del succo di limone. Fate poi un trito finissimo con aglio, prezzemolo, sale e pepe e inseritelo all'interno dei carciofi allargandoli leggermente. Disponeteli poi a testa in giù in una pentola con una buona quantità di olio, salateli anche in superficie, metteteli sul fuoco e quando inizieranno a sfrigolare aggiungete un paio di bicchieri d'acqua. Prendete poi un foglio di carta da forno, bagnatelo, strizzatelo e coprite i carciofi in modo da formare una camera di vapore con cui cuoceranno anche i gambi. Coprite con un coperchio e fate cuocere fin quando non saranno morbidi i gambi. Quindi togliete la carta da forno e fateli asciugare dall'eventuale acqua residua. Serviteli freddi o tiepidi.


Nessun commento:

Posta un commento