domenica 30 ottobre 2016

Pollo con olive e contorno di patate lesse

On air: "4/3/1943" Lucio Dalla


Non so cosa dire quest'oggi, avrei mille cose da raccontare ma le parole faticano a venir fuori come bloccate da qualcosa di più grande di tutti i discorsi esistenti. Oggi dunque lascerò parlare il cibo con il suo profumo e la sua pacata semplicità.


Che poi della semplicità ho sempre fatto il mio vessillo, molti pontificano sull'eccessiva facilità di realizzazione di molte ricette tradizionali e mi parlano di chef stellati e di sifoni, ma rimango fermo sulle mie posizioni, come un oplita alle Termopili, a guardare l'orizzonte e quelle ricette fatte di pochi ingredienti che resistono al tempo e alle mode.



Una di queste è il pollo con le olive leggermente macchiato con della passata di pomodoro e aromatizzato da abbondante origano selvatico, naturalmente accompagnato da un contorno che 
potesse esaltarne il sapore: patate lesse condite con il sughetto tirato fuori dalla carne. 



E così anche questo weekend ho acceso la musica e canticchiando mi sono messo ai fornelli, mentre il primo raggio di sole imbiondiva il cielo del sabato mattina.

Ricetta per 4 persone:

1 pollo da circa 1,2 kg (scegliete un pollo di buona qualità, meglio ancora se ruspante)

2 spicchi d'aglio

2 cucchiai d'olio e.v.o

100 g di olive di Gaeta

origano secco

4 o 5 cucchiai di passata di pomodoro

sale e pepe

1 kg di patate


Lavate e fiammeggiate il pollo e poi tagliatelo in pezzi. Fate soffriggere l'aglio con l'olio in un ampia padella e rosolate molto bene il pollo, poi unite la passata, due mestoli d'acqua calda, una bella presa di origano, abbassate la fiamma al minimo e coprite con un coperchio. Nel frattempo lessate le patate con la buccia partendo da acqua fredda, poi pelatele e tagliatele a fette. Quando il pollo si sarà quasi asciugato unite le olive e finitelo di cuocere. Impiattatelo insieme alle patate che sporcherete con il sugo del pollo rendendole un contorno degno di andare, come direbbe mia nonna, davanti al Re.




Nessun commento:

Posta un commento