Pizza dolce lievitata con fichi secchi - ispirata alla ricetta n°561 di Pellegrino Artusi

On air: "Rimmel" Francesco De Gregori



Ci sono libri che sono alla base di gran parte della nostra memoria culinaria, stanno lì in un angolino della libreria magari in silenzio nascosti da opere molto più sfarzose e ricche di foto che mettono in bella mostra le pietanze, ma è a loro che dobbiamo la nostra sicurezza e a loro ci rivolgiamo quando vogliamo qualcosa che sappia di famiglia.

L'opera di Pellegrino Artusi è sicuramente tra queste, è quel libro che ha influenzato fortemente la cucina italiana grazie alla sua ricchezza di sapori e alla colloquialità con cui l'autore ha raccontato le ricette da lui personalmente sperimentate più e più volte.

Per molto tempo, dopo aver acquistato il libro a giugno, ho meditato sulla ricetta che avrei fatto per prima, poi ne ho scelta una: la n°561 cioè il Kugelhupf, una torta lievitata di origine tedesca adatta sia alla colazione che alla merenda.


La torta sarebbe dovuta riuscire molto più alta, come ho visto in alcuni esempi sul web, ma ho usato una teglia molto grande ed essendo l'impasto poco è venuta alta come una normale torta, ma comunque fragrante e profumata grazie anche ai fichi secchi che ho sostituito all'uvetta della ricetta originale e ho ammollato in acqua e rum.



Ingredienti:

1/2 panetto di lievito

100 g di latte 

200 g di farina

100 g di burro

50 g di zucchero

6 o 7 fichi secchi

1 uovo e 2 tuorli

1 pizzico di sale

scorza grattugiata di un limone


Sciogliete il mezzo panetto di lievito con circa 70 g di latte che avrete in precedenza intiepidito, poi formate una pastella con 2 o 3 cucchiai di farina presa dal totale e mettetela a lievitare per almeno un'ora ben coperta.
Quando il lievitino sarà pieno di bolle iniziate con l'impasto vero e proprio: sciogliete il burro a bagnomaria e fatelo intiepidire, poi mettetelo in una ciotola e iniziatelo a lavorare con l'uovo intero, aggiungete dunque lo zucchero e poi la farina, i rossi d'uovo, il sale e la scorza di limone, mescolando bene (naturalmente potrete aiutarvi con una planetaria). Ora aggiungete il lievitino e la restante parte di latte che avrete intiepidito, lavorando il composto per almeno venti minuti. Infine aggiungete i fichi secchi precedentemente tagliati e messi ad ammollare con l'acqua e un cucchiaio di rum, poi mettete l'impasto in una teglia di diametro di circa 22 cm, coprite con due o tre canovacci puliti e fate lievitare per almeno due o tre ore. Quando sarà ben cresciuto cuocete in forno statico e preriscaldato a 180 °C per circa 30-35 minuti facendo comunque la prova dello stecchino.
Sformatela quando è fredda e a piacere cospargetela con dello zucchero a velo.



Commenti