Zuppa invernale (una delle tante)

On air: "Un'avventura" Lucio Battisti


Amo le zuppe. C'è qualcosa di ancestrale nella loro preparazione, qualcosa che mi ricorda riti antichi di stregoni e sacerdoti chiusi nei loro templi. 
Il freddo si insinuato prepotentemente in questi primi giorni di Marzo, tutto è iniziato con il vento di tramontana ed è poi arrivata la pioggia battente quella che ti dice "Rimani in casa e guardami cadere", stamattina infatti è stata un'avventura anche andare al mercato, perché con tre buste cariche di frutta e verdura anche l'ombrello ha capitolato di fronte alla prepotenza dell'acqua.



Lavorare le verdure, i legumi e i cereali mi rasserena, sento la terra entrare dentro la mia anima, vedo il frutto del lavoro crescere ed esprimersi nella pentola, urlare durante la cottura e poi rilassarsi durante il riposo.

Sento profumi espandersi dentro casa e dentro l'anima. Sento la vita.


Questa zuppa è nata dall'ispirazione di una ricetta fatta qualche anno fa con il petto d'anatra al posto della salsiccia, certo è sicuramente meno raffinata ma ha un sapore antico che sa di contadini e nebbie invernali.


Ingredienti per 4 persone:

100 g di lenticchie

100 g di farro

2 salsicce mantovane (io ho usato queste, ma voi usate quelle che trovate da voi)

3 patate medie

1 mazzo di cavolo nero

1 cipolla

1 costa di sedano - 1 carota

1 spicchio d'aglio - 1 ciuffo di prezzemolo

2 foglie di alloro

7-8 pomodori secchi

sale - pepe nero - noce moscata

1 pizzico d'origano secco - 1 punta di cucchiaino di peperoncino secco (è possibile ometterlo)

2 cucchiai d'olio e.v.o.

8 fette di pane tostato e agliato


Pulite il cavolo nero eliminando le coste centrali, tagliatelo e lavatelo in abbondante acqua fredda. Pulite e tritate poi le verdure per il soffritto, io ho tritato anche l'aglio ma voi potete lasciarlo intero, e poi mettetele a soffriggere per almeno 10' con due cucchiai d'olio, quando saranno ben rosolate aggiungete la salsiccia privata del budello e sbriciolata e fate rosolare anche lei. Quando avrà assunto un bel colorito marrone aggiungete lenticchie e farro e 3 mestoli abbondanti di acqua fredda, il cavolo nero già lavato, le patate pelate e tagliate a cubetti piccolissimi, i pomodori secchi ammollati e tritati, pepate e aggiungete una grattata di noce moscata, l'alloro, il peperoncino e l'origano aspettate a salare (lo farete infatti alla fine).
A questo punto coprite lasciando un piccolo spiraglio, portate ad ebollizione e poi abbassate la fiamma quasi al minimo, cuocete per 25-30 minuti o fin quando l'acqua non si sarà abbastanza ritirata. Quasi a fine cottura aggiungete il prezzemolo tritato e regolate di sale.
Spegnete e fatela riposare almeno un quarto d'ora. Servite con due fette di pane tostato a persona e un giro di olio a crudo.











Commenti