Ravioli ricotta e spinaci con ragù

On air: "Don Chisciotte" Francesco Guccini


Ci sono giorni in cui la vita ci spinge a fermarci per riflettere, giorni in cui perfino la memoria si ferma, oggi è uno di questi giorni. Oggi le parole si sono palesate dietro una fotografia e dietro una poesia, e un sospiro ha accompagnato un'idea, quella di impastare e di sperimentare.


Di solito le idee arrivano di notte prima di addormentarmi mentre mi rigiro nel letto in cerca di prendere sonno, che puntualmente non arriva perché bloccato da tremila pensieri e preoccupazioni e questo ultimamente capita spesso.

Approfitto della quiete prima degli esami per rilassarmi e dedicarmi un po' alle mie passioni e a quello che mi permette di respirare e per osservarmi con attenzione lo spirito e fare in modo che non si abbandoni a se stesso.

Impastare farina e uova mi ha sempre dato sicurezza, forse perché era il mestiere preferito della mia bisnonna ed io ancora mi sento legato a lei con un filo d'acciaio, forse perché il giallo della pasta fresca mi ricorda sorrisi mai fatti e carezze mai date, forse perché non vorrei fare altro che questo.

Ora vi saluto. Devo andare, due bei libroni mi attendono.

Vi auguro una buona fine di weekend e un buon inizio di settimana, Matteo.


Ingredienti (per 4 persone)

Per la pasta:

3 uova

200 g di farina "00"

100 g di semola di grano duro


Per il ripieno:

350 g di ricotta di mucca

500 g di spinaci

50 g di parmigiano grattugiato

pepe nero, sale e noce moscata


Miscelate le due farine e disponetele a fontana, all'interno di essa rompete le tre uova e con una forchetta cominciate a romperle e a unirle alla farina, quando saranno ben amalgamate prendete ad impastare con le mani e lavoratela energicamente per almeno una quindicina di minuti. Terminato l'impasto mettetelo a riposare in un sacchetto per alimenti o avvolta nella pellicola in un luogo asciutto e fresco.
Dedicatevi allora al ripieno pulite gli spinaci e lavateli in abbondante acqua fredda, in una padella mettete un filo d'olio e fatevi appassire gli spinaci, una volta che saranno cotti fateli raffreddare, tritateli finemente e uniteli alla ricotta e al parmigiano grattugiato, nel composto aggiungete una generosa macinata di pepe e una grattugiata di noce moscata, mescolate e regolate poi di sale.
Cominciate poi a tirare la sfoglia, una "Nonna Papera" vi sarà di grande aiuto, curatevi di tenere sempre al coperto la restante parte della pasta affinché non asciughi.
Quando, dopo averla fatta passare dai diversi spessori, avrete raggiunto quello più sottile mettete su un foglio di pasta delle palline di ripieno alla distanza di 4-5 cm e copritele poi con un altro foglio, fate uscire tutta l'aria e tagliate i ravioli o con le apposite formine o con il tagliapasta.


Cuoceteli in abbondante acqua salata e conditeli con un buon ragù o con un sugo di pomodoro al basilico o  anche con abbondante burro aromatizzato con la salvia.








Commenti