giovedì 21 gennaio 2016

Pasta e patate: la ricetta di mia nonna

On air : "Via Margutta" Luca Barbarossa

Questa è un mio piatto della memoria, era il piatto che spesso trovavo da mia nonna tornando da scuola e lei ogni volta ne cucinava una quantità tale che sarebbe bastata a sfamare un battaglione di soldati.


E allora in solitudine mi sedevo a capotavola, di solito il posto di mio nonno, e guardavo il bosco e la montagna portandomi cucchiaio dopo cucchiaio la pasta in bocca. Spesso fuori la pioggia batteva sui vetri e un pettirosso veniva a ripararsi sul davanzale e mia nonna smettendo di lavare i piatti mi diceva "Anche oggi è venuto a trovarci!".

Anche io oggi vorrei tornare a casa e sedermi a tavola con mio nonno e mia nonna, ma gli esami si avvicinano e mi tocca studiare così da non deluderli.



Ingredienti (per 4 persone):

4 patate medie

1 cipolla - 1 carota

1 spicchio d'aglio

4 cucchiai d'olio

2 foglie di alloro

320 g di pasta per minestre (io ho usato i ditalini, ma andrebbero bene anche spaghetti spezzati o riso)

1 foglia di alloro - 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro

pecorino grattugiato

sale e pepe




Pelate le patate e tagliatele a cubetti abbastanza regolari. Tritate poi finemente la carota e la cipolla e fatele soffriggere dolcemente nell'olio insieme allo spicchio d'aglio, quando le verdure saranno ben soffritte versate le patate e fatele insaporire per qualche minuto, aggiungete poi l'acqua e portate ad ebollizione e aggiungete la foglia di alloro e il cucchiaino di concentrato di pomodoro.
Lasciate cuocere per una ventina di minuti e poi versate la pasta che avrete scelto e portatela a poco più di mezza cottura aggiungendo acqua calda se si dovesse asciugare troppo, regolate di sale e di pepe e spegnete.
Fatela riposare per una decina di minuti e servitela con una spolverata di pecorino o parmigiano. 



Nessun commento:

Posta un commento