domenica 19 luglio 2015

Piovono polpette!


"Fin quando è caldo è buono anche il cartone se fritto" mi dice sempre mia nonna e se è buono il cartone figuriamoci le polpette. 
Queste piccole palline di carne sono parte della mia memoria perché mia nonna me le faceva quando la domenica sera andavo a cena da lei e ricordo in particolar modo il buon odore che si sentiva già imboccando la stradina che portava a casa sua e già mi veniva da sorridere.
Per fare le polpette si sa, non ci vuole molto, e penso che l'impasto lo conoscano un po' tutti, ma queste le ho fatte seguendo la ricetta di mia nonna e poi come faceva lei le ho fritte e sono diventate clamorosamente buone. 

700 g di carne trita di manzo

2 tuorli - 1 uovo intero

200 g di pane secco

200 ml di latte (leggermente tiepido)

70 g di pecorino romano grattugiato

1 ciuffo di prezzemolo

150 g di mozzarella di mucca

1 lt di olio per friggere 
(io uso olio di semi di girasole, 
ma se preferite potete usare olio di oliva)

sale e pepe


Tagliate la mozzarella a cubetti e mettetela a scolare in un colino. Mettere in ammollo il pane secco nel latte leggermente intiepidito, strizzarlo e aggiungerlo alla carne trita, insieme all'uovo, ai tuorli, al pecorino, al prezzemolo tritato e al sale e al pepe e impastate.
Mettete a scaldare l'olio che dovrà raggiungere la temperatura di 160 - 170 °C. Cominciate poi a formare le polpette nel cui centro dovrete inserire un dadino di mozzarella.
Quando l'olio avrà raggiunto la temperatura cominciate a friggere, naturalmente mettetene poche per volta altrimenti la temperatura si abbasserà troppo. Le polpette dovranno cuocere per lo meno 10 minuti e nel frattempo dovrete girarle di tanto in tanto, affinché risultino alla fine croccanti fuori con una crosticina abbastanza scura ma non bruciata e morbide dentro con la mozzarella filante.
Mettetele a scolare su di un piatto con della carta assorbente, date un'altra piccola salata e servitele tiepide per non ustionarvi ma anche per non togliere l'effetto filante alla mozzarella.

Nessun commento:

Posta un commento